Museo Correr

Museo Correr

Percorsi e collezioni

Percorsi e collezioni

Il Museo Correr propone diversi, appassionanti itinerari alla scoperta dell’Arte e della Storia di Venezia.

Il primo percorso si snoda lungo le sale “imperiali” del Palazzo Reale, dove l’Imperatrice Elisabetta d’Austria risiedette durante le sue visite nella città lagunare.
Vai a “Stanze dell’Imperatrice Elisabetta” >
_
Negli spazi delle Procuratie Nuove, ideate dall’architetto Vincenzo Scamozzi (1552-1616) e in cui risiedevano le maggiori magistrature della Serenissima,  sono illustrati diversi aspetti della Civiltà Veneziana, dalla vita quotidiana a quella delle istituzioni, dalle imprese marinare alle feste cittadine.
Vai a “Civiltà Veneziana” >
_
Sempre nelle Procuratie Nuove inizia anche il percorso “Wunderkammer”.
Una sorprendente “collezione delle meraviglie”  – dipinti, preziosi manufatti e rarità – che escono dai depositi dopo interventi di catalogazione, studio e restauro.
Vai a “Wunderkammer” >
_
Al secondo piano, è ospitata la splendida Quadreria che raccoglie importanti capolavori dell’arte veneta dalle origini al Cinquecento. Diciannove sale in cui celebri capolavori si susseguono in un allestimento di Carlo Scarpa.
Vai a “La Quadreria” >
_
Infine, tornando al primo piano è possibile ammirare le Sale Neoclassiche e la Collezione canoviana recentemente restaurate.  Nelle cinque nuove sale delle Procuratie tutte le opere del grande scultore presenti nella collezione sono state riportate all’originario splendore neoclassico, insieme agli apparati decorativi dell’intera sezione canoviana.
Vai alle “Sale Neoclassiche e la Collezione canoviana” >

 

La visita continua negli altri due Musei inclusi nel percorso integrato del Museo Correr
*Museo Archeologico Nazionale di Venezia >
**Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana >

In collaborazione con
MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI E PER IL TURISMO (MiBACT)
* Soprintendenza Speciale PSAEe per il Polo Museale della Città di Venezia
** Direzione Generale per i Beni Librari, le Istituzioni Culturali e il Diritto d’Autore